Funzionamento dei mercati e procedura per l'assegnazione temporanea dei posteggi liberi (precariato) 
separatore
Invia Stampa Condividi

Gli orari per il commercio su aree pubbliche dei mercati  minori (mercati costituiti da un numero di posteggi da sei a venti) e maggiori (mercati costituiti da un numero di posteggi superiore a venti), di cui all'art. 7 della Legge Regionale del Veneto 10/2001, sono regolamentati dall'Ordinanza Sindacale nr. 1357 dell'8.10.2002.
Essa prevede l'occupazione dei posteggi dalle ore 7.00 alle ore 8.00; assegnazione posteggi liberi e non assegnati dalle ore 8.00 alle ore 8.30; avvio delle operazioni di vendita a partire dalle ore 8.00 ed entro le ore 9.00; termine delle operazioni di vendita alle ore 14.00; sgombero dell'area mercatale dalle ore 14.00 alle ore 15.00; nel mercato di S.Toscana del mercoledì e del venerdì sono confermati gli orari suddetti, ad eccezione del termine delle operazioni di vendita che è differito alle ore 17.00 e di quello di sgombero dell'area mercatale che va dalle ore 17.00 alle ore 18.00.

I titolari di concessione decennale per l'occupazione di suolo pubblico, che non occupano il posteggio entro le ore 8.00, vengono dichiarati assenti, così come l'operatore che una volta occupato il posteggio nei termini non inizi le operazioni di vendita entro le ore 9.00.

I posteggi non occupati e temporaneamente liberi, vengono assegnati, limitatamente ai mercati di seguito elencati, per la sola giornata di svolgimento del mercato, agli operatori precari1 che prima o contestualmente alla partecipazione alla spunta2, hanno effettuato la comunicazione al Comune di partecipazione al precariato, comunicando i dati identificativi della ditta e l'autorizzazione per il commercio su aree pubbliche di riferimento:
Borgo Venezia del martedì
Via Emo del martedì
Via Poerio del mercoledì
Viale del Commercio del mercoledì
Via Gran Sasso del giovedì
Via Emo del venerdì
Piazza Penne Nere del venerdì
Stadio del sabato

Al momento della spunta l’operatore è tenuto ad esibire agli incaricati comunali nei mercati l’originale dell’autorizzazione con la quale concorre all’assegnazione temporanea dei posteggi, come da precedente o contestuale comunicazione al Comune.

E' riconosciuta priorità di partecipazione per coloro che vantano un maggior numero di presenze sul mercato riferite al settore merceologico di appartenenza. Per partecipazione si intende il numero delle volte in cui l'operatore si è presentato al mercato, prescindendo dal fatto che vi abbia potuto o meno svolgere l'attività commerciale, purchè ciò non dipenda da sua rinuncia.

In caso di parità di presenze a titolo precario deve essere valutata la maggiore anzianità di iscrizione al R.E.A. (ex Registro Ditte) per l'attività di commercio sulle aree pubbliche.

Nei giorni di mercato il Comune provvede alla registrazione delle presenze con esclusivo riferimento all'autorizzazione indicata nella predetta comunicazione, a nulla rilevando i dati anagrafici dell'operatore. Non è consentito ad una stessa persona fisica presentarsi alla spunta con titoli diversi da quello comunicato ed effettuare la spunta contemporaneamente sia a nome proprio che per conto altrui.

L'operatore precario in graduatoria utile per l'assegnazione del posteggio che rinunci ad esercitare l'attività di vendita, non matura la presenza in quel giorno ed il posteggio è assegnato a chi segue in graduatoria; l'operatore precario assegnatario di posteggio che non inizi le operazioni di vendita entro le ore 9.00 perde la presenza maturata ed il posteggio può essere riassegnato come sopra.

L’assegnazione temporanea di un posteggio comporta il pagamento del relativo canone di occupazione suolo pubblico che deve essere effettuato entro 15 giorni dall’avvenuta occupazione del suolo pubblico pena la sospensione della partecipazione alla spunta per 15 giorni consecutivi e la possibile cancellazione dalla graduatoria di spunta del mercato.

La mancata presenza per due anni consecutivi da un mercato comporta l'azzeramento delle presenze effettuate.

Le graduatorie degli operatori precari sono suddivise, alla luce dei prodotti posti in vendita, in:

  1. settore non alimentare
  2. prodotti alimentari non deperibili ed ortofrutticoli freschi
  3. prodotti alimentari deperibili

In conseguenza di quanto sopra, i posteggi liberi vengono assegnati temporaneamente agli operatori precari secondo le seguenti modalità:

1. posteggi del settore non alimentare:
hanno la priorità nell’assegnazione gli operatori appartenenti alla relativa graduatoria. Qualora esaurita detta graduatoria risultassero ancora posteggi liberi, gli stessi possono essere assegnati anche agli operatori della graduatoria prodotti alimentari non deperibili ed ortofrutticoli freschi.

2. posteggi di alimentari non deperibili ed ortofrutticoli freschi:
hanno la priorità nell’assegnazione gli operatori appartenenti alla relativa graduatoria. Qualora esaurita detta graduatoria risultassero ancora posteggi liberi, gli stessi possono essere assegnati anche agli operatori della graduatoria del settore non alimentare.

3. posteggi di prodotti alimentari deperibili:
hanno la priorità nell’assegnazione gli operatori appartenenti alla relativa graduatoria. Qualora esaurita la relativa graduatoria risultassero ancora posteggi liberi, gli stessi non possono essere assegnati ad operatori appartenenti alle altre graduatorie.

 

I posteggi riservati ai produttori agricoli, temporaneamente liberi, non possono essere occupati dagli operatori commerciali; gli stessi possono essere occupati esclusivamente dai produttori agricoli che ne abbiano titolo in base alla specifica graduatoria di spunta; in mancanza di produttori agricoli i posteggi devono rimanere liberi.

Normativa di riferimento:
Regolamento Generale per la disciplina del commercio su aree pubbliche (approvato con deliberazione n.26 del Consiglio comunale in data 8 marzo 2007 e successive modificazioni);
Deliberazione della Giunta Regionale del Veneto nr. 1902 del 20.7.2001 e successive modificazioni, punto 6 della parte III (Disciplina dei mercati);
Ordinanza del Sindaco del Comune di Verona nr. 1357 dell'8.10.2002 (Ordinanza orari per il commercio su arre pubbliche);
Regolamento comunale per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche.
 

Note:
1 Per precario si intende l'operatore in possesso di una regolare autorizzazione per il commercio su aree pubbliche che si presenta al mattino al mercato per l'assegnazione temporanea di un posteggio non occupato.
2 Per spunta si intendono le operazioni di assegnazione temporanea ai precari dei posteggi non occupati.



Informazioni e contatti:

Ufficio Commercio su Aree Pubbliche - Via degli Alpini n.11 - 1° piano -  37121  Verona

Sig. Drezza Michele - Sig.ra Conti Rossella
tel. 045 8078579  Fax 045 591989
 



Ultimo aggiornamento: 16/12/2014

Dimensione testo: Aumenta (+)   Diminuisci (-) 

now:{ts '2014-12-18 11:27:41'}, cfide:47548111, cftoken:30100525, showunpublished:NO application nq_verioning: 1