Pubblicata la graduatoria dei beneficiari dei contributi per la sostituzione della caldaia 
separatore

28 giugno 2013
Nella sezione Allegati, nel menu di sinistra, è disponibile la graduatoria degli ammessi al contributo, approvata con determinazione dirigenziale n. 2786 del 20 giugno 2013.
L'intervento dovrà essere ultimato tassativamente entro il 30 giugno 2014.
Con la pubblicazione della graduatoria, si avvisa che il fondo stanziato è TERMINATO.
 


 

Particolare del pannello dei comandi di una caldaiaI contributi comunali sono destinati a chi, persona fisica, giuridica, enti privati, soggetti pubblici o a partecipazione pubblica, in qualità di proprietari dell'immobile o altri soggetti titolari di altro diritto di godimento, sostituisce la vecchia caldaia (a metano o a gasolio/olio combustibile) con un'altra a condensazione nuova di fabbrica fino a 35 kW di potenza nominale, con certificazione CE, a servizio di un immobile sito nel territorio del Comune di Verona.

L’iniziativa, per la quale il Comune ha stanziato 20.000,00 Euro, mira a migliorare l’efficienza energetica e ridurre le emissioni in atmosfera causate dal riscaldamento che è una delle fonti principali del PM10 misurato in città.

Il contributo verrà erogato nella misura del 50% del costo della spesa complessiva al netto di IVA, fino ad un massimo di 1.000,00 Euro e sarà assegnato fino ad esaurimento del fondo stanziato, secondo l'ordine cronologico di presentazione delle domande. Le richieste devono essere presentate a mano o spedite per posta raccomandata al Coordinamento Ambiente, Via Pallone 9, 37121 Verona.

Gli impianti termici devono essere installati secondo la regola dell’arte da imprese abilitate in conformità al D.M. 37/2008 e s.m.i. contenente norme in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. A tal fine farà fede la dichiarazione di conformità rilasciata dall’impresa installatrice attestante il rispetto della normativa e redatta secondo il modello di cui agli allegati al D.M. 19.05.2010.

Non sono finanziabili le trasformazioni da impianti centralizzati ad autonomi in quanto più dispendiosi in termini di consumi energetici.

Il contributo comunale non è cumulabile con la detrazione ai fini IRPEF del 55% per le spese sostenute in relazione ad interventi finalizzati al risparmio energetico, ad esclusione dell'eventuale detrazione, ai fini IRPEF, del 50% o 36% delle spese sostenute per la ristrutturazione di immobili, qualora ammissibile.

Saranno ammessi al contributo gli interventi avviati successivamente al 16 maggio 2013. L'intervento dovrà essere ultimato tassativamente entro il 30 giugno 2014.

*  *  *

DOCUMENTI DA INVIARE PER RICHIEDERE IL CONTRIBUTO

  • Modulo A di richiesta contributo;
  • Modulo B nel caso il richiedente sia titolare di diritto reale di godimento diverso dal diritto di proprietà;
  • Modulo C nel caso trattasi di persone giuridiche (imprese,  ditte,  ecc.);
  • Copia del preventivo di spesa nel caso in cui l'intervento non sia stato ancora eseguito, ove risulti la tipologia di intervento e l'ubicazione dell’immobile oggetto di intervento;
  • Modulo D nel caso l'intervento sia già stato eseguito, corredato della fattura (con timbro pagato e firma della ditta che ha eseguito l'intervento oppure copia dei bonifici bancari) ove risulti la tipologia dell'intervento e l'ubicazione dell'immobile oggetto di intervento;
  • Copia della deliberazione assembleare di approvazione dell'intervento, debitamente sottoscritta, qualora venga sostituito l'impianto termico centralizzato in un condominio;
  • Copia fotostatica fronte-retro di un valido documento di identità del richiedente;
  • Copia dichiarazione di conformità dell'impianto termico.

La modulistica è disponibile nella sezione Allegati a sinistra.

Dimensione testo: Aumenta (+)   Diminuisci (-) 

now:{ts '2014-10-02 00:18:35'}, cfide:39463043, cftoken:25336874, showunpublished:NO application nq_verioning: 1